•  
  •  
  •  
  •  
  •  

Titolo: The Seven Deadly Sins

Nazione: Giappone

Anno: 2014

Con le voci di: A.Vanni, S.Cerullo

INTRODUZIONE

Netflix sta espandendo la propria “influenza” anche all’Oriente!

Proprio così, negli ultimi anni sono arrivati moltissimi prodotti provenienti soprattutto dal Giappone e a quanto pare il colosso americano dello streaming on-demand, giunto in Italia da pochi mesi, ha interesse ad espandere il suo catalogo, inserendo anche questi prodotti.

STORIA

The Seven Deadly Sins è una serie tv animata che racconta la storia di un umile oste che, un giorno, riceve la visita di un misterioso guerriero.

Lo straniero si rivelerà essere la principessa Elizabeth, del regno di Lyonnese, in missione con l’obiettivo di rintracciare un gruppo di ribelli noto come I Sette Peccati Capitali.

Il ragazzo, a sua volta, si rivelerà essere Lord Meliodas, capitano di questa piccola “armata”.

I due partiranno per un lungo viaggio, alla ricerca degli altri ribelli, accompagnati dal fedele amico di Meliodas, un maialino parlante.

OPINIONI

Ho visto, finora, solo le prime due puntate di The Seven Deadly Sins, ma devo ammettere che si tratta di un esperimento piuttosto interessante.

Non si tratta propriamente della prima serie tv estera prodotta da Netflix, nonostante ciò, non avendoci pensato, sono rimasto non poco sorpreso nel leggere la scritta “una produzione originale Netflix” e nel rendermi conto, successivamente, che si trattava di un anime, cioè un cartone animato giapponese.

TECNICAMENTE

Trattandosi di una serie tv animata l’aspetto tecnico risulta abbastanza semplice da analizzare.

Non si può parlare di vere e proprie regia e fotografia per un prodotto animato, c’è da dire, però, che la “simulazione” di questi aspetti è abbastanza curata.

Le animazioni sono di buon livello e la storia risulta interessante.

CONCLUSIONI

Una vera e propria “chicca” per gli appassionati di animazione giapponese e fantasy in generale.

Consigliatissimo se siete amanti delle produzioni nipponiche!

 


  •  
  •  
  •  
  •  
  •