GUNS AKIMBO RECENSIONE

Posted on 19 Ott 2020 in Cinema

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Titolo: Guns Akimbo

Nazione: Germania, Nuova Zelanda, UK, Belgio

Anno: 2019

Regia: J.L.Hawden

Con: D.Radcliffa, S..Weaving

INTRODUZIONE

Le pellicola ispirate ai videogiochi, anche solo dal punto di vista estetico rappresentano un genere sempre più diffuso, tanto da spingere alcuni a pensare che potrebbe trattarsi della prossima tendenza cinematografica, una volta esauritosi il filone delle produzioni tratte dai fumetti, per intenderci quelle supereroistiche, in stile Marvel o DC.

Vediamo in questo caso com’è andata.

TRAMA

Guns Akimbo è un film ambientato in un futuro imprecisato in cui una compagnia televisiva ha assunto il completo controllo della società, grazie ad un programma che fa della violenza e della morte il suo punto focale.

Miles è un giovane programmatore di videogiochi che, una sera, dopo essere stato aggredito da alcuni misteriosi individui, si risveglia con due pistole avvitate alle mani.

Il suo obiettivo sarà quello di sopravvivere ai killer inviati dal programma.

OPINIONI

Guns Akimbo è un film del quale avevo già sentito parlare, ma che non avevo ancora visto.

Posso dire di averlo apprezzato molto, soprattutto dal punto di vista estetico che, secondo me, si riallaccia, almeno in parte alla professione svolta dal protagonista.

TECNICAMENTE

Guardando il film, infatti, è quasi impossibile non avere la sensazione di trovarsi davanti ad una sorta di enorme videogioco, la struttura stessa della storia sembra voler ricondurre, almeno in parte, a dinamiche classiche di alcuni sparatutto, come Doom o simili.

I “cattivi” hanno quel pizzico di caratterizzazione visiva che li rende simili  a personaggi di alcuni videogiochi,  anime o film anni Ottanta, come Ken il Guerriero o Mad Max.

CONCLUSIONI

Una storia assurda, calata in un contesto completamente folle, che prende molto dal contesto videoludico, sia esteticamente che narrativamente.

Il finale potrebbe suggerire l’apertura a possibili sequel


  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
Read More

LE STRADE DEL MALA RECENSIONE

Posted on 12 Ott 2020 in Cinema

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Titolo: Le Strade del Male

Nazione: USA

Anno: 2020

Regia: A.Campos

Con: R.Pattinson, T.Holland

INTRODUZIONE

La Fede e la Religione possono avere un ruolo più o meno importante nella vita di ognuno di noi, aiutandoci a superare momenti particolarmente difficili.

Quando si sfocia nel fanatismo, però, la questione rischia di diventare pericolosa.

TRAMA

Le Strade del Male è un film, ambientato nel periodo della guerra, che racconta la storia di Willard, ragazzo cresciuto in un piccolo paese da un padre estremamente rigido e devoto.

L’educazione del genitore avrà profondi riflessi sulla vita del giovane.

OPINIONI

Sono rimasto fin da subito estremamente incuriosito da Le Strade del Male, ma non mi aspettavo di certo un film così profondo.

Sappiamo tutti, in qualche modo, fin dove può arrivare la superstizione e il bigottismo in certe comunità sperdute, soprattutto nel Sud degli Stati Uniti, ma vederlo fa tutto un altro effetto.

Aggiungiamoci, poi, il contesto storico, poco prima della metà degli anni Cinquanta e il risultato è “esplosivo”

TECNICAMENTE

Il film ha un ottimo lato tecnico, che enfatizza in modo particolare determinati aspetti: la regia evidenzia in modo particolare l’ambientazione nelle scene all’esterno, ampie ma claustrofobiche allo stesso tempo.

Alcuni personaggi sono anche molto inquietanti e spaventosamente realistici, come nek caso del pastore.

CONCLUSIONI

Una pellicola estremamente cruda e potente, che dimostra fin dove è disposta a spingersi la gente “per amore di Dio”.

Alcune scene richiedono un certo “stomaco”


  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
Read More

SONIC-THE HEDGEHOG RECENSIONE

Posted on 08 Ott 2020 in Cinema

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Titolo: Sonic-The Hedgehog

Nazione: USA

Anno: 2020

Regia: J.Fowlei

Con: J.Marsden, J,Carrey

INTRODUZIONE

Dopo Pokèmon: Detective Pikachu, un altro marchio videoludico prende vita sul grande 4 schermo.

Che sua l’inizio di una nuova tendenza cinematografica?

È ancora molto presto per dirlo

TRAMA

Sonic-The Hedgehog è un film che racconta l’incontro, molto bizzarro, tra lo sceriffo di una piccola cittadina e uno strano riccio blu proveniente da un’altra dimensione.

Dopo l’ovvia perplessità iniziale i due dovranno unire le loro forze per sconfiggere il malvagio Dottor Eggma, che sembra intenzionato ad assorbire in qualche modo la velocità della creatura per poterla sfruttare, potenziando il suo esercito di robot.

OPINIONI

Volevo vedere da parecchio tempo questo film, uscito poco prima della chiusura totale dei cinema e del lockdown.

Devo dire che la pellicola mi ha suscitato una certa nostalgia: ricordo ancora i pomeriggi passati a giocare a Sonic sul SEGA Megadrive e sono stato molto contento di sapere dell’uscita del film e della nascita di uno studio che pare interessato ad occuparsi dello sviluppo di altre licenze videoludiche del colosso giapponese.

TECNICAMENTE

Sonic-The Hedgehog è un film che mette in mostra in buon comparto tecnico, indispensabile, secondo me, per realizzare, in maniera sufficientemente credibile, per quanto spettacolare, gli effetti visivi riguardanti i poteri del protagonista.

Sono presenti, ovviamente, anche alcune citazioni ai videogiochi, come la questione degli anelli, che qui assumono una certa importanza.

Anche la caratterizzazione visiva del cattivo è una citazione palese all’ambito videoludico, nonostante il personaggio possa sembrare, forse, eccessivamente sopra le righe, rappresentando, a tutti gli affetti, una sorta di evoluzione dello scienziato pazzo.

CONCLUSIONI

Un film che può essere apprezzato benissimo sia dai fan che dai non fan, i primi riconosceranno un personaggio che, in alcuni casi, ha fatto la loro infanzia e i secondi lo incontreranno per la prima volta. Prestate particolare attenzione alle scene post-credit, la seconda ,in particolare, preannuncia un possibile sequel, già confermato


  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
Read More

BIRDS OF PREY E LA FANTASMAGORICA EMANCIPAZIONE DI HARLEY QUINN RECENSIONE

Posted on 05 Ott 2020 in Cinema

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Titolo: Birds of Prey e la fantasmagorica rinascita di Harley Quinn

Nazione: USA

Anno: 2020

Regia: K.Yan

Con: M.Robbie, E.McGregor

INTRODUZIONE

Gli universi cinematografici condivisi possono dar vita a mondi molto interessanti.

Dipende tutto dal risultato al botteghino e dalla qualità delle singole pellicole.

Vediamo com’è andata stavolta

TRAMA

Birds of Prey e la fantasmagorica rinascita di Harley Quinn è un film che si riallaccia, per certi versi, alla pellicola Suicide Squad, presentando, in realtà, un solo debole collegamento.

Dopo la separazione da Joker, Harley inizia la sua nuova vita, alla scoperta della propria identità.

Lungo il suo percorso la ragazza incrocerà la sua strada con una serie di bizzarri personaggi e aiuterà una giovane a fuggire dalle attenzioni indesiderate dek feroce Maschera Nera.

OPINIONI

Birds of Prey e la fantasmagorica rinascita di Harley Quinn è un film che, in un certo senso, rappresenta ciò che rimane dell’universo cinematografico DC, ma non si deve pensare di dover vedere Suicide Squad per comprenderlo pienamente, dal momento che, forse, in questo caso, la regista e gli sceneggiatori hanno cercato di creare qualcosa che si discostasse il più possibile dal progetto originario. Il risultato, dal mio punto di vista, è una pellicola pienamente autosufficiente.

TECNICAMENTE

Il film presenta un buon lato tecnico, anche se, certamente, si sarebbe potuto fare qualcosa di più. Alcune scene, probabilmente, sono leggermente eccessive e violente e avrebbero potuto essere leggermente smorzate.

Vi sono alcuni esperimenti grafici e inserti animati, soprattutto nei primissimi minuti che sembrano voler ricordare a tutti i costi che ci troviamo in una sfera fumettistica e questo potrebbe risultare, per qualcuno, leggermente fastidioso, per me non lo è stato.

CONCLUSIONI

Una pellicola che rappresenta i resti di un universo cinematografico che non esiste più.

Voci di corridoio affermano che, però, ci potrebbe essere un nuovo tentativo, staremo a vedere!

 

 

 

 

è un film che, in un certo senso, rappresenta ciò che rimane dell’universo cinematografico DC, ma non si deve pensare di dover vedere Suicide Squad per comprenderlo pienamente, dal momento che, forse, in questo caso, la regista e gli sceneggiatori hanno cercato di creare qualcosa che si discostasse il più possibile dal progetto originario. Il risultato, dal mio punto di vista, è una pellicola pienamente autosufficiente.

 

TECNICAMENTE

Il film presenta un buon lato tecnico, anche se, certamente, si sarebbe potuto fare qualcosa di più. Alcune scene, probabilmente, sono leggermente eccessive e violente e avrebbero potuto essere leggermente smorzate. Vi sono alcuni esperimenti grafici e inserti animati, soprattutto nei primissimi minuti che sembrano voler ricordare a tutti i costi che ci troviamo in una sfera fumettistica e questo potrebbe risultare, per qualcuno, leggermente fastidioso, per me non lo è stato.

 

CONCLUSIONI

Una pellicola che rappresenta i resti di un universo cinematografico che non esiste più. Voci di corridoio affermano che, però, ci potrebbe essere un nuovo tentativo, staremo a vedere!

 

 

 

 


  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
Read More

TRILOGIA DEL CAVALIERE OSCURO RECENSIONE

Posted on 28 Set 2020 in Cinema

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Titoli: Batman Begins, Il Cavaliere Oscuro, Il Cavaliere Oscuro-Il Ritorno

Nazione: USA

Anno: 2005-2012

Regia: C,Nolan

Con: C,Bale

INTRODUZIONE

A volte può capitare di sentire parlare talmente tanto di una pellicola, di una trilogia o di una saga da volerla recuperare, ma di avere lo stimolo giusto solo molto più avanti.

Personalmente è ciò che è successo con i film di cui sto per parlare.

TRAMA

La trilogia del Cavaliere Oscuro rappresenta, sorse, uno dei primi tentativi contemporanei di realizzare una serie di film Bsu Batmen.

La storia è quella del playboy miliardario Bruce Wayne, rimasto orfano dopo ‘omicidio dei genitori.

Anni dopo Bruce deciderà di dedicarsi alla lotta al crimine, nel tentativo di ristabilire l’ordine nella corrotta Gotham.

OPINIONI

Sono riuscito a recuperare la trilogia del Cavaliere Oscuro abbastanza di recente e per la precisione negli ultimi due fine settimana.

Non so come sia riuscito in questa “impresa” dal momento che, i tre film che compongono la serie non sono facilmente recuperabili, la storia, comunque, si snoda nell’arco delle tre pellicole, anche se, forse, ciascuna di queste, risulta abbastanza visibile e comprensibile a sé, senza particolari collegamenti.

Nel corso della storia compariranno i nemici più famosi dell’Uomo Pipistrello, come il Joker o Catwoman e potrete ammirare anche alcune reinterpretazioni di celebri storie fumettistiche.

TECNICAMENTE

Per essere una serie di film risalente ai primi anni Duemila gli effetti visivi risultano abbastanza ben realizzati, anche se, ovviamente, potrebbero “non reggere il passo” con quelli delle moderne produzioni, forse anche per questioni di budget.

Si possono anche individuare diversi punti d’interesse, come le storie riguardanti le cicatrici di Joker, che paiono cambiare ogni volta, uno dei principali motivi del fascino del personaggio.

CONCLUSIONI

Una trilogia sicuramente da recuperare, anche se, prossimamente, è previsto in uscita un nuovo film. Può essere un modo per confrontare due approcci diversi al personaggio.


  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
Read More

FROZEN 2-IL SEGRETO DI ARENDELLE RECENSIONE

Posted on 14 Set 2020 in Cinema

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Titolo: Frozen 2-Il Segreto di Arendelle

Nazione: USA

Anno: 2019

Regia: C.Buck, J.Lee

Voci: Originali: C.Bell. J.Gadd

INTRODUZIONE

I racconti di origine sono un nuovo filone, generalmente nel cinema super-eroistico, relativo alla “nascita” di un determinato personaggio e dei suoi poteri.

Questa pellicola ci porterà, in particolare, alla scoperta delle origini del potere della “regina di ghiaccio” di casa Disney.

TRAMA  

Frozen 2-Il Segreto di Arendelle è il secondo film ambientato in questo immaginario regno, collocato, presumibilmente nelle terre del nord.

Durante una tranquilla serata di giochi in famiglia Elsa fugge dal palazzo verso la Foresta Incantata, attirata da un misterioso canto.

Le sue tracce condurranno Anna in quei territori inesplorati, alla scoperta di un antico popolo ormai dimenticato e del più grande segreto sulle vere origini e sul poteri della sorella.

OPINIONI

Frozen 2-Il Segreto di Arendelle è un film che potrebbe sembrare, per molti aspetti qualcosa di già visto, ma la prospettiva di scoprire di più sul passato di Elsa è molto intrigante.

Qui, per ragioni narrative, acquisiscono un grande spessore i personaggi del re e della regina, appena abbozzati in precedenza, per poi scomparire dopo la sequenza iniziale.

La riflessione principale che la storia sembra voler porre riguarda, inoltre, la crescita e la maturità, rappresentate da Olaf che si interroga su cosa voglia veramente diventare grandi, se si pensa alla natura del personaggio non si può fare a meno di sorridere!

TECNICAMENTE

Il film rientra perfettamente nella media dei classici Disney degli ultimi anni, pur presentando un comparto tecnico, tutto sommato, abbastanza buono.

Le musiche sono molto orecchiabili e anche in questo caso, troviamo un brano “tormentone” e una sequenza simile a quella di Leti t Go, tanto per non discostarci troppo dal predecessore.

CONCLUSIONI

Una pellicola che non osa troppo r che rimane nel solco tracciato dal precedente capitolo.

Ora disponibile sulla piattaforma streaming Disney+


  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
Read More

Navigando tra queste pagine, esprimi il tuo consenso all'utilizzo dei cookies. Maggiori Info

Un cookie è una piccola quantità di dati inviati al tuo browser da un server web e che vengono successivamente memorizzati sul disco fisso del tuo computer. Il cookie viene poi riletto e riconosciuto dal sito web che lo ha inviato ogni qualvolta effettui una connessione successiva. Come parte dei servizi personalizzati per i suoi utenti, il nostro sito utilizza dei cookie per memorizzare e talvolta tenere traccia di alcuni dei dati personali forniti dagli utenti stessi.

Ti ricordiamo che il browser è quel software che ti permette di navigare velocemente nella Rete tramite la visualizzazione e il trasferimento delle informazioni sul disco fisso del tuo computer. Se le preferenze del tuo browser sono settate in modo da accettare i cookie, qualsiasi sito web può inviare i suoi cookie al tuo browser, ma – al fine di proteggere la tua privacy – può rilevare solo ed esclusivamente quelli inviati dal sito stesso, e non quelli invece inviati al tuo browser da altri siti.

Per maggiori informazioni sui cookies, visita questo sito.

Chiudi